Quando le scrivanie da lavoro, ospitano in media 100 volte più batteri di una tavoletta da bagno.

Charles P. Gerba è un microbiologo ambientale (ricercatore di batteri)  conosciuto a livello internazionale e professore di Microbiologia Ambientale nei Dipartimenti di Microbiologia e Immunologia, presso la University of Arizona l’Università dell’Arizona.

Meglio conosciuto come Dr. Germ, è diventato famoso per la sua crociata in nome dell’igiene aziendale.

Spesso viene ospitato in vari talk show in televisione, per portare i risultati delle sue ricerche sulla contaminazione degli uffici.

Uffici come il tuo, dove i batteri proliferano in maniera terrificante.

Giusto per farti capire:

 

  • Una scrivania da lavoro, ospita in media 100 volte più batteri di una tavoletta da bagno.
  • Su quasi 4000 prelievi realizzati tra pc e telefoni, gli indicatori di contaminazione fecale hanno rilevato una presenza massiccia di batteri rispettivamente il 30% sui telefoni e 38% sulle tastiere.
  • Nei campioni di polvere prelevati da più di 1200 uffici, sono stati rilevati 2000 tipi diversi di funghi e muffe e 7000 tipi di batteri come stafilococchi e streptococchi del gruppo A, ma anche germi come Faecalibacterium (il nome dice tutto).

Charles P. Gerba è un microbiologo ambientale, conosciuto a livello internazionale e professore di Environmental Microbiology nei Dipartimenti di Microbiologia e Immunologia, presso la University of Arizona. Meglio conosciuto al pubblico internazionale come Dr. Germ. 

Il pubblico conosce il dottor Gerba meglio per la sua crociata in nome dell’igiene aziendale. Ha fatto frequenti apparizioni sui media, tra cui Good Morning America e Dateline, ed è stato citato più volte in relazioni internazionali e nazionali, riviste e giornali.

Quello che ha scoperto dalla ricerca, è davvero preoccupante.. Sicuramente ne hai già sentito parlare…

Uno studio condotto dall’Università dell’Arizona, volta a misurare la quantità di batteri presenti negli uffici, ha rivelato, che una scrivania da lavoro, ha in media 100 volte più batteri e ben 400 volte rispetto a quelli di una tavoletta da bagno.

Il dato è allarmante..

  • Nella polvere che respiri ci sono in media 9000 germi e batteri vari.

Devi sapere che la polvere non è materia inerte, ma brulica di vita. Animata in media 9 mila “coinquilini” invisibili all’occhio umano tra funghi ( almeno 2 mila) e batteri (7 mila). I ricercatori del Colorado li hanno stanati, catalogati e mappati in uno studio su 1.200 uffici.

I risultati che rimbalzano sui media internazionali fotografano un universo indoor, colonizzato dai germi più svariati. Diversi a seconda del luogo in cui sorge l’edificio e dal numero di persone all’interno. Gli effetti di questa miriade di microbi sulla salute può essere grave, “Alcuni rischiano di veicolare malattie o di scatenare allergie”.

I proprietari degli uffici hanno concesso volontariamente che venissero “passati ai raggi  X”, e dai campioni di polvere prelevati in vari punti delle loro stanze, compresi anfratti, quelli che in genere vengono trascurati dalle imprese di pulizie come bordi delle porte, sopra i quadri, maniglie.

Una volta raccolti i campioni, li hanno quindi sottoposti ad analisi genetica, scoprendo una miriade di creature microscopiche. Hanno rilevato una quantità enorme di funghi, muffe batteri come stafilococchi e streptococchi de gruppo A, ma anche germi  come Faecalibacterium, per citare qualche nome.

La maggior parte dei batteri trovati provengono dall’esterno degli uffici, entrano trasportati dagli abiti, oppure passano da porte, finestre e fessure. Il posto di lavoro se non ben sanificato e un vero e proprio contaminatore di batteri..

Polvere sedimentata ai residui di cibo e ancora sporcizia, le tastiere del computer sono in cima alla lista dei ricettacoli di germi e batteri da eliminare.

La ricerca ha evidenziato come le scrivanie degli uffici hanno una forte carica batterica e che i microrganismi presenti sono potenzialmente dannosi, vale a dire che sono in grado di provocare malattie all’uomo. 

La situazione si complica, perché sono sicuro che la tua attuale azienda di pulizie queste cose te le ha dette.

Vero???

Alla Prossima my friend.
Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto e tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

Lascia un Commento