I 6 segreti a te NASCOSTI, che mettono a rischio la tua azienda. Anche se sei un bravo imprenditore!

Secrets Concept. Word on Folder Register of Card Index. Selective Focus.

Lo so è un titolo bello forte per un articolo, me ne rendo conto. Però mi rendo conto anche, che se non ti spiego le vere problematiche dentro il tuo ufficio, presto ti ritroverai con delle gravissime malattie all’interno.

Per cui siediti comodo ed incominciamo.

Partiamo col dire che il tuo ufficio è un vero e proprio ricettacolo di MALATTIE, che mettono a rischio la TUA salute e quella dei TUOI dipendenti.

E se questo non bastasse, sappi che questi problemi possono mettere in pericolo anche la vita della tua azienda.

Mi spiego meglio.

Se all’interno della tua azienda lavorate 3/5 persone basta che 2 persone siano in malattia che il gioco è fatto, ti ritroverai ad arrancare per terminare i lavori!

Ma siccome hai delle scadenze da rispettare fai di tutto per terminarle per non perdere la commessa, e puoi avere solo queste soluzioni:

  1. Chiedi aiuto ad un altra tua filiale magari, ma anche in questa maniera rimani senza una persona dall’altra parte.
  2. Prendi uno stagista temporaneamente.
  3. Chiedi ai tuoi amati dipendenti di fare dello straordinario, che comunque ti costerà caro.
  4. Fai TU stesso più ore, per sopperire alla mancanza dei dipendenti.
  5. Sottrai tempo alla tua famiglia, perché stai fino alle 21/22 in ufficio.
  6. Paghi delle penali perché non termini il lavoro in tempo.

E’ uno scenario familiare, comunque anche se non lo fosse, sappi che in tutti i casi rischi di perdere la commessa che ti hanno affidato. Avrai più spese di quanto avevi messo in preventivo, potrai perdere il cliente che ti ha commissionato il lavoro magari non subito, ma prima di riaffidarti un lavoro stanne certo che ci penserà 100 volte.

E lo so la vita è crudele, tu hai tutti i rischi possibili ed inimmaginabili essendo un imprenditore, mentre i tuoi amati dipendenti sono sempre belli tranquilli, al 30 ricevono lo stipendio, ferie e permessi pagate, bonus produzioni varie, insomma il rischio di chi ci può rimettere è solo tuo.

Schild 66 - Interesse

In questi anni abbiamo sicuramente messo a dura prova le nostre capacità, abbiamo combattuto con la contrazione economica, le banche che hanno chiuso i rubinetti, i clienti che pagano in ritardo, ecc.ecc.ecc.

Per questo sappilo TU hai tutta la mia ammirazione, sei un Eroe, sei un combattente, uno che non si arrende mai in nessuna difficoltà, anzi le difficoltà le affronta di petto, finché la vittoria non sarà tua.

Ma torniamo al nostro titolo iniziale, ovvero “I 6 segreti a te NASCOSTI, che mettono a rischio la tua azienda. Anche se sei un bravo imprenditore!”

Devi sapere che esistono nel tuo ufficio dei pericoli nascosti che ti mettono a dura prova. Sono dei parassiti invisibili, confabulano alle tue spalle, aspettano solo il momento giusto per crearti notevoli danni economici e di salute.

Sono macchinosi da scoprire, si nascondono perfettamente nel tuo ambiente lavorativo, e come ti dicevo non aspettano altro che creare malanni tra i tuoi dipendenti. Ma prima di spiegarti quali sono, voglio porti delle domande.

  • Quanto conta il tuo stato di salute in azienda?
  • Quanto conta lo stato di salute dei tuoi dipendenti?
  • Quanto ti costano a fine anno le malattie dei tuoi dipendenti?
  • Quale è il rischio se non consegni un lavoro nelle date pattuite?

Perché ti ho fatto queste domande all’apparenza magari sciocche? Te lo spiego subito.

Da studi condotti si è rilevato che per ogni dipendente, i giorni annui di malattia sono in media dai 12,5 ai 14 giorni, ovvero il 4% annuo di malattia.

Vuol dire che annualmente, perdi più di un mese di fatturato ogni 3 dipendenti. Il 12% annuo con precisione, che sommato già a festività, permessi e ferie si tramutano in 2 mesi netti.

Ma la cosa più importante per te, è che stai perdendo 2 mesi di entrate economiche nelle tue casse societarie..

Figuriamoci poi se hai più di 3 dipendenti, un danno economico molto più vasto. Purtroppo questo fenomeno viene tante volte agevolato, come evidenziato dalle polemiche ricorrenti, anche da troppi certificati medici molto compiacenti.

Non è un caso, dunque. Se quel 6% di assenze rosso crociate dal posto di lavoro è un vero e danno economico per te.

Il docente dell’economia sanitaria dell’USI, afferma:

non possiamo stimare un importo economico certo al giorno per ogni assenza, e non credo che le assenze incidano così nettamente e matematicamente sul PIL aziendale; anzi continua ancora il docente; penso che nei bilanci dell’impresa ci sia un sistema che calcola e prevede anche questi costi in qualche modo fisiologici dell’attività..

Certo tanti i soldi mica li perde lui, sono solamente i tuoi.. NON TROVI

women-vs-men-nel-crowdfunding-vincono-le-donneMa la tua preoccupazione, deve essere anche su tutti quei dipendenti ligi al lavoro. Ovvero, che se stanno male comunque vengono sul posto di lavoro, perché si sentono in dovere di farlo per Te e per l’azienda per cui lavorano.

Qui però potrebbero farlo per diverse motivazioni:

  • Hanno paura di perdere il posto di lavoro
  • Devono finire un progetto e sono già in ritardo
  • Devono spedire del materiale urgente dal magazzino

Sono sicuro che la prima opzione non sarà il tuo caso, e sono certo che vengono al lavoro, proprio perché tu sei un bravo imprenditore, ti prendi cura di loro, sei gentile, responsabile, che si impegna per il bene dell’azienda, sei sempre in prima linea, e loro si sentono in dovere di venire contribuire anche se non sono in perfetta forma..

Ma questo loro comportamento purtroppo e il danno peggiore che possono fare per la tua azienda…

  • Perchè così facendo continuano a crearti rallentamentiin azienda
  • Inconsapevolmente ti fanno perdere soldi, perché possono contagiare anche gli altri colleghi

Si hai capito bene, per il loro senso del dovere, creano solo un danno, in quanto loro sono ammalati per cui che non possono rendere come tutti i giorni al 100%, anzi vanno ha rilento.

  • Rallentano i magazzini spedizione
  • Rallentano le movimentazioni merci
  • Rallentano la preparazione di documenti importanti
  • Non finiscono un lavoro urgente che devi consegnare

Se sei arrivato fino a qui a leggere , sono sicuro che ti starai chiedendo come tutto questo possa centrare con la tua azienda, che nesso ci possa essere con il fatto di perdere soldi..

Te lo dico subito..

Quelli che ti stanno facendo perdere soldi, sono quelli che puliscono i tuoi uffici.

La tua attuale impresa di pulizie.

Solo il 36% delle persone ha veramente ben pulito la propria area di lavoro

Su quasi 4000 prelievi realizzati tra pc e telefoni, il dato più lampante è che i computer e i telefoni d’ufficio hanno percentuali significative di germi potenzialmente significanti (67% sui telefoni e 69% sui pc) e come se non bastasse, gli indicatori di contaminazione fecale hanno rilevato una presenza massiccia di batteri rispettivamente il 30% sui telefoni e 38% sulle tastiere.

ufficio

Quello che la ricerca dimostra e come si annidano batteri sugli ambienti di lavoro e, di conseguenza, il rischio di contrarre un’infezione è maggiore in ufficio piuttosto che in una toilette.

Sono quasi sicuro al 1000 x 1000, che la tua azienda di pulizie attuale,  queste cose non te la mai dette.. Giusto?

Ma lo sai perché non te le ha dette nessuno queste cose, “Non perché io sia un genio e loro ignoranti”, non lo fanno solamente per una sola motivazione,.

Non sanno di cosa parlare, e di quale argomento sia.

Sei sicuro che vuoi mettere la tua vita in mano a queste persone?

Non è un tuo dovere conoscere dove i batteri possano annidarsi e crearti gravissimi problemi di salute. Questi doveri spettano a chi ti esegue le pulizie ogni mattina nei tuoi uffici..

Almeno dovrebbe essere così…

Dovrebbero essere loro, che ti mostrano le possibili problematiche, ma soprattutto mostrarti le possibili soluzioni, ma questo non succede ahimè.

Se non escludi a priori le possibili cause di allergie, malattie e infezioni all’interno del tuo ufficio rischi solo di buttare al vento migliaia di soldini.  Pagando i tuoi dipendenti che rendono al 40% e ti ritroverai ad avere 2 mesi in meno di Fatturato pieno…

Le aziende oggigiorno sono tutto per tutti, e non sanno minimamente come si esegua delle pulizie mirate alla cura della tua salute, non mi credi, ecco cosa devi fare?

TEST 2

 

TEST

 

Se vuoi scoprire, se nel tuo ufficio si annidano Germi e Batteri, che possano mettere a rischio la tua salute e quella dei tuoi collaboratori, c’è solo una cosa che devi fare: un test con tampone antibatterico che ti dirà se il tuo ufficio e gli uffici dove lavorano i tuoi dipendenti sono infestati di schifezze che portano malattie.

Il tampone assomiglia a una penna che tu passi sulle tastiere di computer, sugli interruttori, sulle maniglie, e in pochi secondi ti dice se il tuo ufficio è veramente pulito o no.

Se diventa Viola, hai la certezza che stai respirando schifezze e presto un tuo dipendente si ammalerà.

Per richiedere il tampone non esitare. È GRATUITO e non implica nessun impegno da parte tua.

Mandami tranquillamente una mail a info@zerobatteri.com, oppure chiama il numero  0041 912 90 5555 , dove ti risponderà un messaggio vocale registrato che ti spiegherà come richiedere il nostro tampone “GRATUITO”.

Si hai capito bene, “GRATUITO”, messaggio vocale registrato.

Dall’altra parte della cornetta non troverai nessun venditore che voglia venderti qualcosa oppure prendere un appuntamento, tranquillo.

Richiedi il tampone, noi te lo inviamo GRATUITAMENTE e lo puoi provare comodamente nel tuo ufficio.

Non perdere né tempo, né soldi, chiedi subito il tampone OMAGGIO, perché

ZeroBatteri, Uffici Sterili, Zero Allergie, Dipendenti Felici,

vuol dire solo una cosa:

meno malattie, meno assenze, più produttività.

Alla Prossima my friend.

Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto è tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

 

 

2 Comments

  1. Antonio Magnarelli gennaio 20, 2017
  2. Antonio Magnarelli gennaio 20, 2017

Lascia un Commento