I 5 segreti che gli imprenditori devono conoscere per guadagnare 60.000,00 CHF in soli 7 mesi!

Oggi voglio parlarti dei 5 segreti che devi conoscere per guadagnare 60.000,00 Franchi in solo 7 mesi.

Sicuramente ti starai chiedendo come faccio ad affermare questo, bene te lo spiego immediatamente.

Ma prima di farlo voglio permettimi di rivolgerti alcune domande.

  • Da quanto tempo non dormi più sonni tranquilli a causa di alcuni problemi in azienda?
  • Da quanto non passi più del tempo in famiglia come vorresti?
  • Da quanto tempo non dedichi una giornata intera solamente ai tuoi figli?

Intendiamoci non voglio venderti nessun corso motivazionale, non è il mio campo e non ne sarei neanche capace. Non voglio neanche venderti nessuna tisana magica, oppure iscriverti a nessun circolo magico alla Harry Potter.

Old glasses on a handwrited letter

Voglio condividere con te solamente alcuni gravi problemi che ho avuto nel mio passato.

Alcuni anni fa,  ho rischiato veramente di perdere tutti gli affetti che avevo intorno a me, passavo intere giornate in ufficio, lavoravo sodo per cercar di tirar su l’azienda che ai tempi avevo ereditato da mio padre.

Lavoravo 15/16 ore al giorno per cercare una soluzione affinché potessi salvarla senza farla fallire. Lo ammetto avevo ereditato un bel peso finanziario sopra le mie spalle, e lottavo lottavo affinché potessi riemergere da tutti quei problemi che mi assillavano giornalmente.

Quando ti dico che lavoravo 15/16 ore al giorno, non è un modo di dire, passavo tutto il mio tempo in ufficio e quando tornavo a casa il mio lavoro veniva con me dentro le mura domestiche. Ho dormito per più di un anno 5/6 ore a notte.

Adesso sicuramente tanti penseranno, e vabbè cosa vuoi che sia. Bene prova a dormire 5/6 ore a notte per un perido continuativo di 30/40 giorni, sabato e domenica compresi, e poi ne riparliamo. A leggerlo è una cosa non ti rendi conto dell’impatto, ma prova a farlo per 30 giorni vedi che l’impatto è come un treno merci che ti schiaccia.

Uscivo dall’ufficio la sera in media verso le 20.30 rientravo a casa e mentre mangiavo cena molto velocemente, no avevo finito ancora il primo che chiedevo a mia moglie gentilmente di mettere su già il caffè, in maniera da non perder tempo, e mi rintanavo nuovamente nel mio studio, di nuovo davanti al mio computer, ai fogli e alle centinaia di scadenze imminenti da pagare.

Insomma una vita sull’orlo di una crisi di nervi da un momento all’altro.

Ricordo che ricevevo in media dalle 10 alle 15 chiamate di creditori infuriati come tori, perché aspettavano i Bonifici Bancari promessi , visto che gli insoluti risalivano a più di 5 mesi.

Io ci provavo con tutte le mie forze a tirar su l’azienda e a pagare i miei debiti, ma mentre ne pagavo uno, ne lasciavo altri 2 indietro.

Un Inferno.

Ormai si era innescato una specie di circolo vizioso che non riuscivo più a controllare e disinnescare.

Oltre questo, non so se sarà stato lo stress, le preoccupazioni, la paura di perdere tutto, ho iniziato anche a sentirmi non troppo bene in termini di salute.

Va da sè che le preoccupazioni giorno dopo giorno, mesi dopo mesi, non aiutino il nostro organismo ed il nostro corpo, e via via iniziavo ad avere dei problemi di salute. Devo anche ammettere che molti di questi problemi finanziari come detto li ho ereditati da una gestione errata nei precedenti anni, però mi prendo anche le mie colpe, anche io ho contribuito sicuramente alla situazione odierna.

Un certo giorno mentre ero in ufficio sono letteralmente svenuto per terra mentre stavo parlando con la mia segretaria delle solite scadenze, dei fornitori che chiamavano per avere i soldi. Il mio corpo era arrivato ad un punto di non ritorno, mi aveva inviato 1000 e 1000 segnali.

Ma quel giorno mi ha proprio detto:

bene non li vuoi ascoltare, adesso ci penso io direttamente, e sono crollato a terra come una pera.

Ricordi quando ti ho detto una una vita sull’orlo di una crisi di nervi, bene era arrivata il momento.

La corda si stava spezzando.

Hanno chiamato immediatamente l’ambulanza e mi hanno portato al pronto soccorso, e dopo le varie analisi di rito, il medico mi ha detto molto chiaramente una frase che non ricordo molto bene,

lei ho si da una calmata oppure non arriva a 50 anni, ci lascia le penne molto prima.

Capirai con me che una prospettiva di soli 10 anni di vita, sicuramente non è il massimo, ho una moglie e due meravigliosi figli, uno di 8 anni e l’altro di 4 anni ed il pensiero di non poterli veder crescere e di poterli perdere, mi ha spaventato parecchio.

Avevo veramente raschiato il fondo del barile nel mio corpo, gli avevo chiesto tutto quello che potevo, più di così non potevo fare.

Lo ammetto non sono mai stato una persona che tenesse particolarmente al fisico. Non ero un appassionato di palestra, né di jogging, nuoto o altre attività sportive, insomma una bella COZZA da divano.

Si ogni tanto facevo qualche partitella a calcetto il venerdì sera con gli amici ma nulla di più.

Ma torniamo a noi, dopo questo stop forzato, e dopo quel bel segnale che il mio fisico mi aveva inviato, ho capito che dovevo cambiare qualcosa nelle mie abitudini sia alimentari che lavorative.

Tranquillo, ti ho fatto la premessa iniziale, non devo venderti nulla, né consigliarti stili alimentari, voglio solo condividere con te i pericoli che si nascondono dentro un ambiente di lavoro.

La cosa che mi spaventava di più come ti dicevo, era quella di non riuscire a veder i miei figli crescere, di non poter più passare del tempo con loro, e se sei un papà come me capisci benissimo quello che intendo dire.

La cosa strana però e che prima di quello stop forzato non avevo mai considerato nessuna di queste cose, pensavo solamente al mio lavoro, lavoravo a più non posso, sicuramente perché avevo una situazione economica disastrosa, e non vedevo nessun futuro.

Sicuramente lavoravo per dare un avvenire migliore ai miei figli, volevo per loro tutta la felicità possibile ed immaginabile, come tutti i papà d’altronde. Però in effetti non passavo con loro molto tempo, i miei pensieri mi distraevano veramente da un ruolo importante della mia vita,

quello di essere PAPA’ e quello di essere MARITO.

Ho scritto volontariamente soltanto la parola essere, e non essere un BUON PAPA’ o un BUON MARITO.

Mi sono accorto in effetti che non ero affatto né Papà né Marito. Pensavo solamente al mio lavoro e basta, il resto intorno a me non esisteva. Si era li ma io non mi rendevo conto dei miei doveri sia di Marito che di Padre.

Il mio crollo fisico è stato veramente molto duro, ci ho messo più di un mese a riprendermi, non tanto fisicamente, perché con l’aiuto delle medicine e una alimentazione non consumata in fretta e furia il mio fisico si era ristabilito alla normalità.

Il problema più grosso era nel mio cervello, i problemi che avevo non erano spariti, anzi il fatto di non potermi alzare dal letto per la debolezza aumentava la mia pressione di ansia. Non potevo essere in ufficio non potevo rispondere alle mail, non sapevo chi telefonasse.

UN INFERNO MENTALE, non lo auguro a nessuno veramente.

Mia moglie preoccupata dal mio stato fisico, una sera dopo aver messo i miei figli a letto e dopo che gli stessi si fossero addormentati, e venuta in camera dicendomi noi  dobbiamo parlare.

Sai benissimo che quando una donna ti dice così ci sono poche via d’uscita, devi prepararti al peggio.

  1. Sicuramente vuole lasciarmi
  2. Ha incontrato un altro
  3. Mi confesserà un tradimento (oh è colpa mia a casa non ci sto mai)
  4. Vuole il divorzio

ecco questi sono i pensieri che in un millesimo di secondo sono passati nella mia testa.

Per mia fortuna nessuna di queste 4 ipotesi era quello di cui mi voleva parlare.

SANTA DONNA.

Le sue parole sono state queste, ti devi calmare devi allentare la tensione,  non puoi vivere così, non puoi vivere ogni ora sul filo del rasoio.

Nella mia testa sapevo che le sue parole erano corrette, eppure mentre lei mi parlava,  io non riuscivo a pensare ad altro che a tutti i problemi che avevo, e come poter dare sia a lei che ai miei figli un futuro dignitoso.

Quella sue parole però ebbero un impatto molto forte dentro di me.

Non ricordo più quando avevo giocato con i miei figli l’ultima volta, quando gli avessi fatto una carezza. Quando li avessi accompagnati a letto per addormentarli oppure a scuola.

Era veramente questa la vita che volevo?

Allora decisi che dovevo cambiare qualcosa, dovevo modificare il mio modo di comportarmi e dovevo riprendermi la mia vita.

Decisi di contattare i miei creditori, di fissare un appuntamento con loro.

Volevo riprendermi la mia vita e dovevo farlo partendo proprio da qui. Tutti mi fissarono molto volentieri l’appuntamento ero pronto anche al peggio, immaginavo che lo facessero anche per mettermi le mani addosso visto che non li pagavo.

Andai da tutti non saltai nessuno, e con mio grande stupore nessuno mi mise le mani addosso, (ne avrebbero avuto tutte le ragioni), qualcuno in effetti mi minacciò ma finì tutto li.

Spiegai loro quanto stava succedendo e concordai con 2 possibili strade percorribili:

  • La prima, quella che si fidassero di me, ho sempre mantenuto le mie promesse con tutte le mie forze.
  • La seconda, che continuassero a tartassarmi e alla fine non avrebbero ottenuto nulla

d’altronde se ci lascio le penne anche loro avrebbero avuto un danno economico.

Con mia incredulità circa il 60% decise di credermi. Comunque parliamo di una collaborazione tra le nostre aziende che dura da più di 20 anni, per cui un minimo di storico c’è, il 40% non volendo sentire ragioni mi ha concesso una proroga di 90 giorni e non di più altrimenti sarebbero stati guai seri.

Diciamo che non era affatto facile vista la situazione, ma quel piccolo traguardo mi ridette un senso di fiducia, volevo onorare a tutti i costi i miei impegni, volevo riprendermi la mia vita e studiai un piano su come rispettare gli accordi presi.

Con mia felicità posso dirti che a distanza di 2 anni ho rispettato tutti gli accordi con successo. Ho onorato pagando tutti i miei ex creditori, molti di loro sono ancora dei miei fornitori e i nostri rapporti sono addirittura migliorati, altri fornitori purtroppo hanno dovuto chiudere non per colpa mia però, anche loro hanno avuto dei grossi guai economici.

Adesso il mio stato di salute è ottimo, ho ripreso ad essere un Padre ed un Marito, cosa che prima non ero affatto. La mia situazione finanziaria è notevolmente migliorata confronto a 2 anni fa e cosa più importante tengo molto di più al mio stato fisico e mentale.

Devi sapere che adesso faccio anche attività fisica 3 volte a settimana.

E qui vedo già cosa stai pensando nella tua testa, ok tutto bello, ma questa tua storia cosa c’entra non me?

Giusto?

Adesso ammettilo, tanto è una chiacchierata tra me e te,

  1. da quanto tempo non riesci più a riposare correttamente
  2. da quanto tempo non riesci più ad addormentare i tuoi figli nel loro letto
  3. da quanto tempo non dedichi delle attenzioni a tua moglie
  4. da quanto tempo non sei più sereno economicamente
  5. da quanto tempo non dedichi del tempo solamente per te

MA LA COSA PIU’ IMPORTANTE CHE VOGLIO CHIEDERTI, DA QUANTO NON DEDICHI DEL TEMPO A TE STESSO.

Make a change is your life,career,relationship concept

Io lo so perché ci sono passato è per fortuna mi sono fermato in tempo,

  • tu invece te lo sei mai chiesto?

Ti ho raccontato questa storia perchè troppe volte noi imprenditori siamo assaliti da centinaia e centinaia di problemi che ci procurano forte cariche di stress.

Adesso io non posso conoscere perfettamente il tuo lavoro, ma se hai dei dipendenti posso dirlo quasi con certezza che anche loro sono una bella causa di preoccupazioni per te.

  • Magari hai dei progetti da finire e sei in ritardo a causa dei dipendenti in malattia  (ti causa stress)
  • Dovevi spedire del materiale, ma non sei riuscito a terminarlo causa carenza personale (ti causa stress)
  • I pezzi sono difettati e vanno ricontrollati il responsabile era in malattia (ti causa stress)
  • Hai perso un cliente perchè in ritardo nelle consegne, causa assenza personale (ti causa stress)

Come per me lo stress era causato da gravi problemi economici, magari il tuo stress, oppure le tue angosce sono causate dai problemi dei tuoi dipendenti sempre in malattia.

Sono tante le preoccupazioni che ci affliggono ogni giorno.

Ma con questi piccoli accorgimenti, vedrai che eliminerai definitivamente tutto lo stress che ti logora il fegato.

Devi sapere che Charles P. Gerba è un microbiologo ambientale conosciuto a livello internazionale e professore di Microbiologia Ambientale nei Dipartimenti di Microbiologia e Immunologia, presso l’Università dell’Arizona in Texas.

Meglio conosciuto come Dr. Germ, è diventato famoso negli Stati Uniti per la sua battaglia a sostegno dell’igiene aziendale.

Ha conseguito il dottorato di ricerca in Microbiologia presso l’Università di Miami, in Florida, ed è stato un membro della facoltà del Dipartimento di Virologia ed Epidemiologia presso il Baylor College of Medicine dal 1974 al 1981.

Svolge attività di ricerca la trasmissione di agenti patogeni attraverso gli ambienti lavorativi, Uffici proprio come il tuo, dove i batteri proliferano in maniera terrificante.

Tu sei un imprenditore come me, l’azienda è la nostra seconda casa in termini di tempo.. Passiamo sicuramente gran parte della nostra vita all’interno di essa, ci sentiamo sicuri come dentro le nostre mura di casa.

L’ azienda è tutto quello di buono che abbiamo costruito, il marchio della nostra persona, la nostra immagine, insomma Lei ci rappresenta con il mondo esterno.

Nella tua azienda magari lavorano delle persone, che si fidano ciecamente delle tue scelte, d’altronde hai fatto vedere a tutti il tuo valore come persona e titolare, sei riuscito a creare una nicchia di mercato dove la gente ti apprezza, ti rispetta, ti teme per il tuo successo.

Ma se io ti dicessi che c’è un pericolo nascosto dentro la tua azienda che possa farti ammalare e spendere diverse migliaia di soldini l’anno a tua insaputa? Come ci rimarresti?

Tutti gli anni a tuo bilancio c’è una voce che si chiama spese malattie, sono quelle spese che la tua azienda deve pagare per i tuoi collaboratori che durante l’anno stanno a casa per le varie influenze, virus intestinali, visite per le allergie, riniti, nausee.

Esiste però un modo per far diminuire quella spesa dell’40% dentro la tua azienda e guadagnare 60.000,00 Euro in 7 mesi

 

Bag.

 

Gli uffici sono un terreno fertile di Germi e Virus,  dove questi non aspettano altro che infettare te ed i tuoi collaboratori. Sono loro che faranno un danno economico alle tue tasche se non corri ai ripari.. Ci sono diversi studi scientifici che mettono in evidenza come le persone  si ammalino di più in ufficio che all’esterno.

Quante volte hai visto la signora delle pulizie,

  • Pulire la tua tastiera
  • Pulire il tuo telefono
  • Pulire le maniglie
  • Pulire i braccioli della tua sedia
  • Pulire sopra le porte

Mai vero?

Ecco uno dei motivi per cui i tuoi dipendenti si ammalano durante l’anno.

In una ricerca effettuata appositamente per la sicurezza sui luoghi di lavoro, hanno evidenziato come sulle tastiere dei nostri PC, la carica batterica di germi fecali sia altissima. Non tutti hanno la sana abitudine di andare in bagno e lavarsi le mani purtroppo. 

Però non è solo la tastiera il posto più sporco affermano questi studiosi, anche le maniglie delle porte, il telefono, i braccioli delle sedie, anche loro sono contaminati da diverse tipologie di batteri. Gli studiosi hanno rilevato come la scarsità nelle pulizie possa far si che questi batteri siano la causa principale che fa ammalare la tua forza lavoro.

Le pulizie non adeguate possono scatenare queste malattie creando purtroppo danni economici pesanti. Purtroppo quando un tuo dipendente sta male ed è influenzato, ma viene a lavorare lo stesso, per senso del dovere, crea un pericolo di contagio per tutti gli altri suoi colleghi..

Prova a pensarla così, quando tuo figlio va all’asilo, basta che un bambino abbia qualche virus che si ammalano tutti quanti, te compreso, perché il bambino lo porta a casa, ed inevitabilmente lo passa a tutti prima o poi, è solo questione di giorni.. E’ così o mi sbaglio..

Purtroppo da questi problemi ne risentiranno

  • i tuoi progetti da consegnare
  • i tuoi materiali da controllare
  • le tue spedizioni

Ma la cosa più importante e che se sei già debole a causa dello Stress accumulato come era capitato a me, le tue difese immunitarie sono basse e questi Germi e Batteri ti colpiranno duro proprio come successe a me anni fa.

E stramazzerai a terra come una Pera.

Magari adesso starai pensando vabbè ma noi siamo in 5 se anche una persona sta a casa, non mi cambia tanto..

SBAGLIATO.

Permettimi di dirtelo..

Non so di cosa ti occupi, ma oggi i margini di guadagno sui prodotti/servizi si sono ridotti notevolmente, perché sono aumentati le materie prime, ma questo non è il vero problema.. Il vero problema è il costo del personale,

–  Il costo del lavoro è aumentato (contributi, gestione paghe, commercialista ecc. ecc.)

–  E’ aumentato il costo di gestione della  struttura (affitto, condominio, rifiuti, riscaldamento, bollette varie,)

–  E’ aumentata la pressione tributaria, ossia le tasse in genere confronto a diversi anni fa

Quindi.

Quindi anche se solo uno dei tuoi dipendenti sta a casa per malattia, tu stai buttando soldi. Poi se ne hai più di 5 all’anno è un vero costo esorbitante. Nessuno si fa mai questi costi, ma se provi a ragionarci puoi veramente risparmiare una notevole somma annua.. Soprattutto perché parliamo di eseguire delle pulizie adeguate, e ben mirate..

Sappi che quelle malattie saranno a fine anno un bel costo per te e la tua azienda in termini economici e di produttività.

E’ fondamentale che il tuo ambiente di lavoro risulti pulito è ben organizzato, se vuoi che la tua azienda sia efficiente, e affidabile.

Un ufficio ben pulito è privo di germi e batteri, è parte integrante di un ambiente di lavoro di sicuro successo produttivo.

Molta gente pensa che sia esagerato parlare di Germi e Batteri, daltronde non lo fa mai nessuno. Vero, ma sappi che questi problemi esistono veramente, non c’è nulla di inventato, nessuno vuole fare neanche allarmismi ,ma questi patogeni creano veramente dei grossi problemi.

Se non mi credi basta che chiedi al tuo medico di fiducia, vedrai che confermerà le mie parole.

In questi ultimi mesi, si sente sempre più parlare di questi problemi, Germi e Batteri che resistono agli antibiotici, è di poche settimane fa la notizia divulgata da tutti i media, di una signora in Pensilveniynia che ha contratto una malattia a causa dei batteri killer, che addirittura gli antibiotici erano inefficaci.

Per cui quanti soldi vale la tua salute, io direi parecchio.

Se pensi che sono esagerato e vuoi scoprire, se nel tuo ufficio si annidano Germi e Batteri, che possano mettere a rischio la tua salute e quella dei tuoi collaboratori, c’è solo una cosa che devi fare.

Un test con un tampone antibatterico, che ti dirà se il tuo ufficio e gli uffici dove lavorano i tuoi dipendenti sono infestati di schifezze che portano malattie.

TEST 2

Il tampone assomiglia a una penna che tu passi sulle tastiere di computer, sugli interruttori, sulle maniglie, e in pochi secondi ti dice se il tuo ufficio è veramente pulito oppure no. Se diventa Viola, hai la certezza che stai respirando schifezze e presto un tuo dipendente si ammalerà.

TEST

Per richiedere il tampone non esitare. E’ GRATUITO e non implica nessun impegno da parte tua.

Mandami tranquillamente una mail a info@zerobatteri.com, oppure chiama il numero  0041 912 90 5555 , dove ti risponderà un messaggio vocale registrato che ti spiegherà come richiedere il nostro tampone “GRATUITO”.

Si hai capito bene, “GRATUITO”,  messaggio vocale registrato..

Dall’altra parte della cornetta non troverai nessun venditore che voglia venderti qualcosa oppure prendere un appuntamento, tranquillo..

Richiedi il tampone, noi te lo inviamo GRATUITAMENTE e lo puoi provare comodamente nel tuo ufficio.

Non perdere né tempo, né soldi, chiedi subito il tampone OMAGGIO, perché

ZeroBatteri, Uffici Sterili, Zero Allergie, Dipendenti Felici, vuol dire solo una cosa: meno malattie, meno assenze, più produttività.

Alla Prossima my friend.

Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto è tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

alla Prossima my friend.

Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto e tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

 

 

 

 

Lascia un Commento