Ecco le bugie delle imprese di pulizie, che mai nessuno prima di oggi ha mai avuto il coraggio di svelarti.

Questo è normalmente la pagina principale dei siti internet della stragrande maggioranza di imprese di pulizie, e sono sicuro che ti sarai imbattuto in queste parole od immagini almeno un centinaio di volte.

Sicuramente ogni qualvolta che hai avuto bisogno del loro servizio di pulizie.

 LA NOSTRA PROMESSA

Offriamo programmi di pulizia personalizzati in base alle tue esigenze. Siamo il vostro partner ideale.

Ciò che ci rende unici:

Mai pensiero fu più sbagliato.

Aprii la mia impresa di pulizie che avevo poco più di 18 anni, fiero di me stesso iniziai a bussare porte e cercare clienti. Presi le prime porte in faccia come d’altronde tutti, i primi NO da parte delle persone.

Ma presi anche i primi lavori, feci tutto quello che secondo me era giusto per condurre un impresa.

Facevo esattamente i lavori come tutti, ne più, ne meno. Ma lo ammetto era dura, le cose non andavano affatto bene.

I pochi clienti che avevo non riuscivano a coprire interamente le spese aziendali, avevo ritardi nell’eseguire i pagamenti e a pagare gli stipendi.

Il mio pensiero di quando avessi avuto la mia impresa di pulizie,  e sarei riuscito a fare un sacco di soldi stava svanendo.

Anzi a dirtela tutta e anche con un pò di vergogna, qualche bolletta me la pagò proprio lui. Mio Padre.

Non dormivo la notte per questo, non riuscivo a capire dove sbagliassi, quali errori facessi.

Tutti andavano avanti così, perchè io non riuscivo a prendere i clienti, e quei pochi che prendevo dovevo fargli degli sconti esagerati, sennò neanche loro mi avrebbero affidato i lavori.

Eppure venivo dalla gavetta, i lavori li sapevo svolgere correttamente, erano già più di 3 anni che giornalmente mi svegliavo alle 05.00 del mattino per andare a pulire gli uffici, non lasciavo nulla al caso, facevo esattamente tutto quello che mio padre mi aveva insegnato.

Ma tuttoquesto non bastava, le mie entrate economiche erano pressoché inesistenti.

Ero soprafffatto dai pensieri, dalla vergogna di non riuscire a combianare nulla, pensavo che forse era meglio andare a scuola, magari negli anni mi sarebbe anche piaciuto studiare.

Perchè ho smesso, sono un cretino.

Un giorno andai da un nuovo cliente, per eseguire un sopralluogo in un appartamento, il mio umore era sotto le scarpe. Al mattino per darmi il buongiorno, mi aveva chiamato il direttore di banca, dicendomi che ero in rosso sul conto corrente (tanto per cambiare), e dovevo assolutamente versare dei soldi.

Si, ma quali soldi che ero spiantato come non mai. Se mi giravi sotto sopra non usciva nulla.

 

Fallimento, povertà, debito, perdita lavoro, soldi, Disoccupazione, tasche vuote, pignoramento

 

Avevo solo un alternativa. Andare nuovamente a battere cassa dalla mia famiglia. Bella alternativa, ormai ci andavo ogni 2 mesi, e non potevo andare avanti sempre così.

Va bene la famiglia, ma non è che ogni volta che ho bisogno di soldi devo correre da loro, oppure chiedere dei prestiti in giro.

Ero sotto casa del cliente e pensai, adesso faccio questo preventivo e poi vedrò il da farsi.

Suonai il campanello.

Mi rispose una signora con voce molto gentile, si buongiorno risposi, sono quello dell’impresa di pulizie. Quello dell’impresa di pulizie, che bel biglietto da visita, annamo bene,  mamma mia se ci penso mi prenderei a schiaffi da solo ancora oggi.

Salii al terzo piano di questo condominio e con fare molto deciso entrai nell’appartamento. Avevo bisogno di quel preventivo, di quei soldi, dovevo assolutamente prendere quel lavoro.

Mi accolse una donna di bella presenza e con fare molto gentile mi invitò a sedermi.

Appena mi ero seduto partii subito in quarta, come ti ho detto avevo necessità assoluta di prendere quel lavoro a tutti i costi, anche facendo degli sconti non mi interessava, dovevo rientrare immediatamente del passivo che avevo sul conto corrente in banca.

Buongiorno sono Fabio Maratea la nostra azienda esiste dal, e partii col solito spiegone di chi sono, da quando esisto, da cosa facciamo e dei miei bravi dipendenti ligi al lavor, anche se la verità era che di dipendenti ne avevo solamente tre, ed uno di loro ero proprio io.

Ma questo lo dico a te, a lei non lo dissi assolutamente, e mentre stavo finendo il mio comizio su chi fossi,  entrò dalla porta il marito che dopo essersi presentato mi disse:

giovanotto, io quello che fate lo so, ma quello che vorrei sapere invece, e se siete in grado di aiutarmi in questo mio problema.

Ecco, lo ammetto non sono una persona che di solito non sta zittto, anzi sono abbastanza logorroico nel parlare, ma quel giorno era come se fossi posseduto da non so cosa, non riusciii a rispondere nient’altro che questa parola:

Bene mi dica di cosa ha bisogno, in maniera da poter valutare insieme se posso esserle utile.

Il marito iniziò ad elencarmi tutti i suoi  bisogni, tutto di quello che gli serviva, cosa si aspettava dal nostro intervento, le sue tempistiche, i suoi orari più comodi per lo svolgimento del servizio.

Bene, io prendevo appunti, davo dei cenni di accoglimento alle sue richieste ma non aprii proprio bocca. MUTO.

Mentre quell’uomo parlava, mi venne in mente le domande che faceva sempre mio padre ai suoi clienti, ma vuoi vedere che funzionano veramente ed alla fine aveva ragione lui?

Allora decisi di provare a fare 2/3 domande.

Con mio stupore e felicità, quelle domande erano proprio quelle che il cliente voleva sentirsi dire. Era la prima volta che un sopralluogo invece che 10 minuti ed un calcio nel di dietro, come avveniva normalmente, durò 45 minuti.

Si, hai capito bene, 45 minuti.Non mi era mai successo in vita mia.

Andai avanti con le domande, finchè ormai avevo tutte le informazioni che mi servissero per fare un preventivo. Dopo avermi offerto il caffè il marito, mi riaccompagnò alla porta e mi disse, sa giovanotto è bello sapere che può aiutarmi in questi problemi.

Devi credermi, se lui non fosse intervenuto fermandomi subito, avrei continuato a dirgli di chi sono senza prestar attenzione alle sue esigenze.

Feci il preventivo il giorno stesso, avevo la banca che mi assillava, ed avevo assolutamente bisogno di quel lavoro.

Consegnai il preventivo e con mio stupore il giorno dopo arrivò immediatamente una telefonata sull’accoglimento del preventivo. Non ci potevo credere, era stato accettato, senza chiedermi nessuno sconto.

Non ci potevo credere. Chiamai immediatamente mio padre per comunicargli il nuovo cliente, e dopo avergli spiegato le dinamiche dell’incontro e di quanto ci eravamo detti, mi disse:

Vedi che alla fine ascoltare fa bene?

Aveva perfettamente ragione, da quel giorno smisi immediatamennte di parlare di me, ed inizia ad ascoltare le esigenze del cliente, e devo dire le cose sono cambiate alla grande, in meglio.

Devi sapere perché è il momento di disintossicare la TUA scrivania:

  • Più di 10 milioni di batteri si annidano sulla scrivania in media nell’ ufficio con 7.500 organismi nascosti nella tastiera
  • Le condizioni di lavoro igieniche sono un ‘fattore chiave’ per milioni di giorni di lavoro persi per malattia ogni anno
  • I batteri e virus possono sopravvivere sulle superfici dure per più di 24 ore
  • Le nostre mani sono un’autostrada di germi; molte superfici allevano batteri e virus  

Milioni di noi passano intere giornate su una tastiera. Ma in agguato tra i tasti, nascosti sul mouse e immersi nel telefono si trovano più di 10 milioni di batteri
– 400 volte di più rispetto al sedile del water.

Le condizioni di lavoro igieniche sono un ‘fattore chiave’ per i 131 milioni di giornate di lavoro perse ogni anno in tutto il mondo. Batteri e virus possono moltiplicarsi su superfici dure, rimanendo infette per più di 24 ore.

La scrivania è un terreno fertile per le infezioni, dobbiamo sollecitare le imprese di pulizie a disinfettare le nostre scrivanie, telefoni, tastiere e mouse per computer. Migliori misure di pulizie e di igiene possono tradursi in giorni di malattia significativamente inferiori.

‘Le nostre mani sono un’autostrada di germi,’ ha detto il dottor Ackerley a MailOnline. ‘Il minimo starnuto o un colpo di tosse nelle nostre mani, fa si che i  germi iniziano il loro viaggio attraverso tutto l’ufficio.

Ha detto che i batteri vengono ha contatto con noi anche solo toccando le maniglie e le superfici delle porte stesse.

Questi organismi quindi rischiano di essere trasferiti quando le persone si toccano i loro occhi o la bocca, provocando rcosì affreddori, tosse, influenza.

Questi organismi sono completamente invisibili.

Questo è il motivo per cui è così importante che ognuno si assume la responsabilità per la propria igiene delle mani.

Ma è ‘davvero importante lavarsi le mani?

Un recente sondaggio ha rilevato che quasi il 50 per cento di chi lavora in ufficio non si lava le mani dopo essere andati in bagno.

‘Non ci sono scuse’, ha detto. ‘Quella gente bypassa il lavandino e diffonde i germi in tutto l’ufficio.

‘Il loro rifiuto di lavarsi le mani significa che qualcun altro potrebbe raccogliere i batteri, ed ammalarsi creandoti dei turnover del personale inutile, e creandoti delle spese extra.

‘Le Pulizie negli uffici in realtà dovrebbe concentrarsi su tutte le superfici che vengono a contatto con le mani. E ‘importante lavare i pavimenti, ma in realtà andrebbero lavati anche , lavelli, maniglie, insomma ovunque mettiamo le mani.

‘E credimi non è così scontato che l’impresa di pulizie lo faccia’

Il  Dr Ackerley ha detto:

ci sono studi che dimostrano di aver  trovato più di 3.000 organismi sulle tastiera, e più di 1.600 sul mouse del computer. Ha detto che il 16 per cento delle persone trasporta il  norovirus, che provoca vomito e diarrea, ma non mostrano sintomi.

Questo significa che questi oggetti non vengono mai puliti dalle imprese di pulizie.

esperto di Igiene Dr Lisa Ackerley, visiting professor presso l'Università di Salford, ha detto MailOnline 'le nostre mani sono un'autostrada germe' raccogliendo organismi nocivi che causano il raffreddore, l'influenza e norovirus, e diffondendo intorno alla loro scrivania. Nella foto in verde è batteri su una scrivania

Le nostre mani sono un’autostrada di germi’, raccogliamo organismi nocivi che causano il raffreddore, l’influenza e norovirus, e li diffondiamo intorno alla nostra scrivania. Nella foto si vedono perfettamente le impronte che possono contenere batteri su una scrivania

Ha detto che lavarsi le mani è la chiave per il taglio verso il basso giorni di malattia causate da raffreddori comuni prese dalla scrivania, e uno spray disinfettante antibatterico è ideale per uccidere i batteri e virus, che può vivere fino a 24 ore sul disco superfici

Lavarsi le mani è la chiave per il taglio dei giorni di malattia causate da raffreddori comuni prese proprio dalla scrivania, è necessario uccidere i batteri e virus, che vivono sulle superfici.

‘Misure igieniche semplici possono fare una differenza marcata per ridurre la diffusione di batteri e virus nel posto di lavoro,’ ha detto MailOnline.

‘I dipendenti devono lavarsi le mani quando arrivano sul posto di lavoro, in particolare se sono stati sui mezzi pubblici.

Le apparecchiature in ufficio come apparecchi telefonici, tastiere di computer e scrivanie,  sono punti caldi di virus e batteri, sono in contatto regolare con le nostre mani e devono essere puliti con regolarità. 

Questo contribuirà a ridurre il rischio di raccogliere raffreddori e influenza ‘.

Questo si tramuterà in una diminuizione di assenteismo dei tuoi dipendenti, in più produittività da parte loro, e le commesse ed i lavori da svolgere saranno sempre conclusi secondo le scadenze pattuite.

Adesso che hai letto tutto questo, se vuoi scoprire, se nel tuo ufficio si annidano Germi e Batteri, che possano mettere a rischio la tua salute e quella dei tuoi collaboratori, c’è solo una cosa che devi fare.

Un test con un tampone antibatterico, che ti dirà se il tuo ufficio e gli uffici dove lavorano i tuoi dipendenti sono infestati di schifezze che portano malattie.

TEST 2

Il tampone assomiglia a una penna che tu passi sulle tastiere di computer, sugli interruttori, sulle maniglie, e in pochi secondi ti dice se il tuo ufficio è veramente pulito oppure no. Se diventa Viola, hai la certezza che stai respirando schifezze e presto un tuo dipendente si ammalerà.

TEST

Per richiedere il tampone non esitare. E’ GRATUITO e non implica nessun impegno da parte tua.

Mandami tranquillamente una mail a info@zerobatteri.com, oppure chiama il numero  0041 912 90 5555 , dove ti risponderà un messaggio vocale registrato che ti spiegherà come richiedere il nostro tampone “GRATUITO”.

Si hai capito bene, “GRATUITO”,  messaggio vocale registrato..

Dall’altra parte della cornetta non troverai nessun venditore che voglia venderti qualcosa oppure prendere un appuntamento, tranquillo..

Richiedi il tampone, noi te lo inviamo GRATUITAMENTE e lo puoi provare comodamente nel tuo ufficio.

Non perdere né tempo, né soldi, chiedi subito il tampone OMAGGIO, perché

ZeroBatteri, Uffici Sterili, Zero Allergie, Dipendenti Felici, vuol dire solo una cosa: meno malattie, meno assenze, più produttività.

Alla Prossima my friend.

Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto è tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

alla Prossima my friend.

Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto e tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

Lascia un Commento