Come le nostre mani possono trasmettere VIRUS pericolosi al nostro corpo.

41506707 - infectious diseases spread hygiene concept as people holding hands with germ virus and bacteria spreading with illness in public as a health care risk concept to not wash your hands as dirty infected fingers and palm with contagious pathogens.

Pochi giorni fa ho mostrato sulla nostra pagina Facebook Zerobatteri, un immagine di una mano di un bambino sulla piastra petri tutti i germi e batteri che il bambino aveva sulle mani.

Molte persone mi hanno scritto che ero esagerato, che stavo facendo una psicologia terroristica, che sbagliavo a mandare un messaggio del genere.

Partiamo dal dire che nessuno vuole fare psicologia terroristica, il problema di fondo è che mai nessuno parla di queste cose, ed appena veniamo a conoscenza di questi possibili problemi li percepiamo come esagerazione se non come terrorismo psicologico.

Mi spiace dirti che non è così

Ti faccio un semplice esempio di quello che possiamo avere sulle nostre mani a nostra insaputo, estratto da un articvolo di FOCUS uscito nel 2014.

Analizzando i microbi presenti sulle banconote in circolazione, gli scienziati hanno trovato di tutto: dai batteri dell’ulcera all’antrace.

Che il denaro sia sporco si sa, sporco inteso come antiigienico.

Quanto sporco, lo hanno appena stabilito ricercatori della New York University in un singolare studio in cui hanno analizzato la presenza di microbi sulle banconote da un dollaro di Manhattan.

A sentire i risultati, sui soldi che maneggiamo tutti i giorni, che non c’è motivo di considerare diversi da quelli in circolazione nella Grande Mela, c’è un intenso brulicare di vita.

Lo studio fa parte del progetto “Dirty Money”, che mira a ricostruire lo stato di salute dei newyorkesi (e la varietà dei batteri che si portano addosso) dal DNA dei microbi sul denaro in circolazione.

Nella ricerca sulle banconote, Jane Carlton e i suoi colleghi hanno preso come campione ottanta banconote da un dollaro da una banca di Manhattan, e hanno sequenziato il DNA presente.

Sono riusciti così a identificare sulla cartamoneta una gran diversità di microbi, la maggior parte relativamente innocui per le persone, ma alcuni potenzialmente assai pericolosi.

In totale sono stati identificati oltre 3mila tipi di batteri, incluse alcune specie resistenti agli antibiotici; solo per il 20 per cento circa del DNA batterico è risultato appartenere a specie conosciute, mentre per il resto si tratta di microbi non ancora classificati.

Le specie più abbondanti identificate sui soldi sono i batteri che causano l’acne, seguiti dalla flora batterica normalmente presente sulla pelle. Ma è stata riscontrata anche la presenza di specie di stafilococchi patogeni e di batteri associati all’ulcera gastrica, alla polmonite e alle intossicazioni alimentari.

 

schermata-2016-11-03-alle-09-41-45

I ricercatori hanno anche individuato DNA di geni che conferiscono resistenza agli antibiotici, come quelli del temibile Staphylococcus aureus resistente alla meticillina.

Non è mancato all’appello neppure l’antrace, un batterio comune nella terra, e sulle mani di chi la maneggia.

Adesso sicuramente molte persone dicono, ecco iniziamo con il terrorismo psicologico. Per vendere si fa di tutto, si incute terrore ai massimi livelli.

Mi spiace contraddirti, ma non è così.

Le mani infatti sono un veicolo di trasmissione perché le cellule più esterne dell’epidermide sono normalmente abitate (colonizzate) da microbi (batteri e funghi) che nell’insieme formano la flora batterica.

Secondo gli esperti un’accurata pulizia delle mani può ridurre del 40% la mortalità per diarrea e del 23% l’incidenza della polmonite: due delle principali cause di mortalità dei bambini di età compresa tra gli 0 e i 5 anni. Il tutto con un gesto semplice ed economico.

Un gesto che potrebbe sembrare scontato ma che così non è in molti paesi del mondo, dove malattie contagiose come diarrea e infezioni respiratorie continuano a uccidere, soprattutto i bambini.

E’ vero tu vivi in un paese civile, per cui non ti interessa. Mi spiace non è così, interessa anche te.

Avere le mani pulite è il primo passo per ridurre il rischio di infezioni virali e batteriche: molti studi hanno trovato che il 15-30% delle infezioni che si verificano in ospedale possono essere prevenute con una accurata igiene delle mani.

 

schermata-2016-10-27-alle-22-08-42

 

Questa è la mano di un bambino che prima di lavarsi le mani in bagno.

La madre del bambino, un tecnico di laboratorio di microbiologia ha postato questa foto .

I colori ricordano gli anni ’70, la flora mostra però come possono essere le mani sporche dei bambini dopo aver giocato all’aperto.

Tasha Sturm, una microbiologa del Cabrillo College in California, ha chiesto a suo figlio di 8 anni di lasciare l’impronta della mano in una piastra sterile di quelle utilizzate in laboratorio per crescere i microrganismi.

Dopo le prime 48 ore di incubazione, ecco il risultato: batteri, funghi e lieviti hanno tracciato nel terreno di coltura la sagoma della mano del bambino, dando un’idea di quanti microrganismi erano rimasti sul suo palmo dopo aver giocato al parco.

Le fotografie scattate dalla mamma ricercatrice mettono in evidenza diverse colonie di batteri, che abitano normalmente sulla pelle dell’uomo come stafilococco e micrococco. In basso a destra, la grossa chiazza bianca sembra essere popolata da bacilli che si trovano nello sporco e nel terreno e i molti cerchi colorati sono invece funghi e lieviti.

Tutti noi facciamo si, che i nostri figli si lavino le mani prima di sedersi a tavola, d’altronde c’è lo hanno insegnato le nostre madri e noi cerchiamo di insegnarlo ai nostri figli.

Ma ammettilo ogni tanto non ci avrai fatto caso vero se tuo figlio si è lavato le mani?

A me che sono già fiscale di mio, lo ammetto ogni tanto non ci faccio caso.

C’è anche da dire che sui bambini questi germi li aiutano a fortificarsi, ma su di noi, potrebbe avere invece l’effetto contrario.

Questa foto della mano del bambino, dovrebbe portare a riflettere quanto sia importante per noi lavarci le mani.

Troppe volte vedo persone che entrano in autogrill, e vanno diretti ad ordinare il panino, senza passare prima dal bagno per lavarsi le mani.

Oppure le vedo che escono dal bagno addirittura senza lavarsi le mani.

Si ok, non devi vivere con l’ansia dei Batteri sulle mani, ma neanche non interessartene.

Le persone in ufficio toccano oggetti contaminati tutti i giorni, vanno in bagno, ed una statistica ha dimostrato che 3 persone su 5, non si lavano mai le mani quando escono dalla toilette.

 

schermata-2016-11-03-alle-13-13-18

 

Sappi che quelle, sono le stesse persone che poi ti stringono la mano per salutarti, ti passano un foglio, toccano il tuo telefono per rispondere ad una telefonata, insomma passiamo la nostra vita a contatto con questi Germi.

Non ci dobbiamo stupire se poi durante l’anno ci ammaliamo così spesso, e non possiamo portare a termine i lavori prefissati, oppure paghiamo a caro prezzo la carenza del personale, magari perdendo un cliente perchè non abbiamo rispettato una data di consegna di un materiale/servizio.

Noi siamo gli specialisti delle pulizie, e facciamo si che TU ed i tuoi dipendenti siate sempre PERFETTAMENTE in SALUTE.

Se vuoi scoprire subito tu stesso da solo se nel tuo ufficio si annidano Germi e Batteri, che possano mettere a rischio la tua salute e quella dei tuoi collaboratori, c’è solo una cosa che devi fare:

un test con tampone antibatterico che ti dirà se il tuo ufficio o gli uffici dove lavorano i tuoi dipendenti sono infestati di schifezze che portano malattie.

TEST

Il tampone assomiglia a una penna che tu passi sulle tastiere di computer, sugli interruttori, sulle maniglie, e in pochi secondi ti dice se il tuo ufficio è veramente pulito o no.

Se diventa Viola, hai la certezza che stai respirando schifezze e presto un tuo dipendente si ammalerà.

Per richiedere il tampone non esitare. È GRATUITO “e non implica nessun impegno da parte tua”.

TEST 2

Mandami tranquillamente una mail a info@zerobatteri.com, oppure chiama il numero  0041 912 90 5555 , dove ti risponderà un messaggio vocale registrato che ti spiegherà come richiedere il nostro tampone “GRATUITO”.

Si hai capito bene, “GRATUITO”, messaggio vocale registrato.

Dall’altra parte della cornetta non troverai nessun venditore che voglia venderti qualcosa oppure prendere un appuntamento, tranquillo.

Richiedi il tampone, noi te lo inviamo GRATUITAMENTE e lo puoi provare comodamente nel tuo ufficio.

Non perdere né tempo, né soldi, chiedi subito il tampone OMAGGIO perché,

ZeroBatteri, Uffici Sterili, Zero Allergie, Dipendenti Felici, vuol dire solo una cosa: meno malattie, meno assenze, più produttività.

Alla Prossima my friend.

Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto è tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

 

 
 

 

 

Lascia un Commento