Ecco 3 buoni motivi perché non si dovrebbero indossare le scarpe in CASA!

Tutti quanti noi abbiamo la brutta abitudine di entrare in casa con le scarpe senza toglierle all’esterno.

Ammettilo, quante volte hai aperto la porta e sei entrato in casa con le scarpe dopo essere tornato dal lavoro, dalla palestra, o magari solamente da fare jogging

Le scarpe te le sei tolto solamente dopo essere andato in camera a posare la borsa, o dopo essere andato in cucina a bere un bicchiere di acqua, insomma hai camminato attraversando tutta casa con le scarpe.

Magari lo avrai fatto centinaia di volte oppure migliaia di volte senza farci caso.

Se fosse così, qui ci sono alcune buone ragioni per cui dovresti toglierti le scarpe prima di enrtrare dentro casa tua.

Uno studio condotto presso l’ Università dell’ Arizona ha esaminato la carica di tutti quei Germi presenti sotto le nostre scarpe. La ricerca ha trovato una media di 421.000 batteri sotto le suole delle scarpe, con nove diversi ceppi nocivi.

421.000. Raccapricciante!

Alcuni dei ceppi nocivi presenti sulle scarpe erano dell’Escherichia coli, noto come E. coli, che può dare infezioni intestinali, diarrea e in rari casi purtroppo la meningite;  ultimamente portata alle cronache da diversi casi preoccupanti in ITALIA.

Oppure la Klebsiella pneumoniae , che può causare infezioni del tratto urinario; e  altri batteri che causano anche infezioni respiratorie.

La cosa è preoccupante direi.

schermata-2016-11-03-alle-13-13-18

   1.Batteri

Come fanno i batteri ad arrivare dentro casa?

“Camminiamo giornalmente attraverso cose come escrementi di uccelli, escrementi di animali cani gatti, sputi, ecc. ecc., e anche centinaia di germi che si trovano sui pavimenti dei bagni pubblici, che sono tutte fonti di pericolosissimi Batteri come E coli”, dice Kelly Reynolds, microbiologo e professore presso l’Università dell’Arizona.

“ I batteri potenzialmente dannosi possono sopravvivere sulle scarpe per giorni o addirittura settimane, afferma il Dr . Reynolds. 

   2.Le tossine

Un altro potenziale che desta preoccupazione è quello delle tossine. Uno studio dell’Istituto Battelle Memorial, un gruppo di ricercatori senza scopo di lucro ha scoperto che le tossine presenti nel concime che usiamo nel trattare il nostro prato, può essere facilmente trasportato in casa.

Ad avvalorare questa tesi arriva anche in aiuto uno studio della Baylor University, la quale ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate e sigillate con catrame di carbone, hanno un rischio di aumento da cancro a causa proprio delle tossine.

Hanno trovato che le tossine, vengono trasportate all’interno della casa sottoforma a particelle di polvere.

Ma, spiega anche che l’esposizione alle tossine dovrebbe essere nel lungo termine, e si deve essere esposti molte volte nel corso della nostra vita, al fine di ammalarsi.

Ma sicuramente prevenire è meglio che curare!

   3. Lo sporco

“Lo sporco è molto dannoso,” dice il Dott Reynolds. Probabilmente se hai dei figli/nipotini che giocano sul pavimento di casa, devi sapere che i tuoi bambini sono i più vulnerabili ai germi, perché giocano sul pavimento usando giocattoli sopra di esso e poi metteno le mani in bocca una media di 80 volte all’ora.

“Tutto ciò significa che il tuo bambino/nipote può eventualmente essere esposto ad ogni singolo batterio che hai raccolto sulle tue scarpe dall’esterno, tutti i batteri del parco, del negozio, del bagno pubblico, insomma ovunque sei andato quel giorno”,

Ricapitoliamo, cosa c’è sul fondo delle tue scarpe?

Materia fecale, molteplici forme di batteri che causano infezioni e infiammazione del colon, germi, sostanze chimiche, petrolio e molto altro ancora!

schermata-2016-11-03-alle-13-13-18

Adesso dimmi dove lascerai le scarpe d’ora in poi?

Se hai dei dubbi mandami tranquillamente una mail a info@zerobatteri.com, oppure chiama il numero  0041 912 90 5555 dalla Svizzera, oppure il numero 0039 0172 1795 545 dall’ Italia.

ZeroBatteri, Uffici Sterili, Zero Allergie, Dipendenti Felici,

vuol dire solo una cosa: meno malattie, meno assenze, più produttività.

Alla Prossima my friend.

Se ti è piaciuto quest’articolo lascia un tuo commento qui sotto e sentiti libero di condividerne i contenuti con chi preferisci. Tanto è tutto gratis.

Se invece vuoi sapere come lavoriamo Noi, contattami per una consulenza gratuita, a info[chiocciola]zerobatteri.com, ma prima di farlo leggi qui 

Lascia un Commento